3 canzoni per il Deserto delle Dune di Vetro (Capitolo 28)

RUBRICA STARCHART – le stelle che ci danno ispirazione

StarSeeds in ascolto! Il viaggio musicale alla scoperta di “Dark Ghost” prosegue insieme al protagonista.

le 3 caratteristiche fondamentali dell’atmosfera del capitolo 28 di “Dark ghost”

  1. Speranza. Ma ci si può fidare?
  2. Sconcerto. Che dire, nessuno fa niente per niente.
  3. Pericolo. Giusto perché finora siamo stati seduti comodi…

Il Deserto delle Dune di Vetro non perdona. Vediamo quali canzoni mi hanno aiutata a dare vita a questa atmosfera.

Salvezza?

Questo è l’ultimo capitolo del romanzo; cosa ne sarà di Jo Jo Nishimura? E di Dex? E di Adela? Nel capitolo 28 avrete queste risposte.

Già… ma non è detto che tutto vada per il verso giusto.

sunrise by ateez

Ma prima di preoccuparci di nuovo per l’incolumità di Jo Jo, un bel messaggio motivazionale! Chi, se non gli ATEEZ? Non so, non chiedetelo a me, perché ho già fatto la mia scelta…

Non vi ricordate chi sono gli ATEEZ? No problem! Ne abbiamo parlato nell’articolo “MUSICA COREANA POP: IL K-POP FANTASCIENTIFICO DEGLI ATEEZ” che dovete assolutamente leggere!

“Sunrise” è una canzone che invita a non mollare, a continuare nonostante ciò che dicono gli altri, nonostante le difficoltà, nonostante tutti gli altri fattori esterni. Il punto del messaggio è dare il massimo e, prima o poi, le cose andranno meglio. Sui fenomeni esterni non abbiamo molta influenza, ma sulla nostra reazione sì. Direi che anche Jo Jo dopo tutti i patimenti subiti merita un incoraggiamento.

Mi piace questa canzone anche per la melodia che è allo stesso tempo rassicurante ma viva, non è una ballata lenta e strappalacrime, è un pezzo dinamico per restare su di morale, perfettamente in linea col messaggio.

Anche il testo riesce a comunicare supporto senza girarci attorno e tocca anche alcuni punti chiave come il mettersi il bastone fra le ruote da soli (strofa di Mingi) o il fatto che a volte basterebbe solo una parola per essere incoraggiati. Ecco, se la parola non arriva da chi conoscete, con la musica non c’è pericolo di sbagliare.

Vediamo un pezzo del testo.

Originale (strofa di Hong Joong):

기다리자 더 조금만
춥더라도 더 조금만
떠오를 거니깐 조만간
속는 셈치고 alright

Italiano:

Aspetta solo ancora un po’
Anche se fa freddo, aspetta solo ancora un po’
presto dovrà succedere
Le circostanze sono ingannevoli, ok


Quindi… aspettiamo l’evolversi della situazione!

House Of The Rising Sun by Five Finger Death Punch

Non esagero dicendo che “Dark Ghost” è partito da qui, proprio con questo video. La pacata sobrietà della canzone, con il suo stile così allegro e il videoclip così tranquillo… come potevo ignorarlo? Sì, sono sarcastica…

Quando questo romanzo era solo un cumulo di idee slegate, mi sono ricordata che salvato da qualche parte nella mia memoria esisteva questo video. Il mio cervello l’aveva catalogato come: rave nel deserto, tipo Mad Max ma anche Fast & Furious. Mi fa ridere il fatto che pur essendo la genesi di “Dark Ghost”, sia finito nell’ultimo capitolo! Una cosa era certa fin da subito: volevo un deserto e anche delle belle tamarrate! La parte rave + il pezzo urlato è presente solo nel videoclip e non nella versione ufficiale della canzone, perché l’intro è preso da un’altro pezzo, “You”. Il contrasto fra “You” e “House of the rising sun” ha contribuito allo sviluppo del romanzo, specialmente per quanto riguarda l’ambientazione.

Vediamo un pezzetto del testo, si tratta di “You”.

Originale:


There’s a fire within
Hate to admit it but I always knew
Violence and sin
Keeps me fearless, keeps me from being

You

Italiano:

Dentro c’è un fuoco
Odio ammetterlo, ma l’ho sempre saputo
Violenza e peccato
Mi mantengono impavido, mi impediscono di essere
te

È che non tutti apprezzano le soluzioni di Jo Jo Nishimura, non so come mai, poverino! Però resta fedele a se stesso, sempre. Disprezzato, sottovalutato, incompreso, ma almeno non si abbassa a essere ciò che non è e, soprattutto, sa bene di non essere come gli altri, né vuole uniformarsi.

불놀이야 Fireworks (I’m The One) by ATEEZ

Anche questa canzone è molto motivante e parla del fare ciò che si fa, come si vuole e indipendentemente dagli altri che sono solo capaci di guardare e criticare. Una cosa che Jo Jo capisce benissimo anche in questo capitolo! Il ritmo è travolgente, la coreografia spettacolare e il testo ripetitivo scolpisce nella mente il ritornello, come un invito (lo dice anche Mingi…).

La traduzione letterale del titolo coreano è “Giocare col fuoco”, anche se la versione inglese che hanno pubblicato è “Fuochi d’artificio”, comunque adatta perché si basa su un gioco di parole contenuto appunto nell’originale “불놀이야”. Il fatto di “giocare col fuoco” emerge anche nel videoclip in svariati momenti quando hanno l’accendino in mano o quando l’albero brucia alla fine.

Fra l’altro, consiglio di guardare anche il video del making of, perché è molto interessante e si fanno delle scoperte, come per esempio che la neve è vera e che hanno dovuto aspettare che smettesse di nevicare per girare. L’effetto finale con il fuoco, la neve e la coreografia incredibile è molto suggestivo. Per me è poi è un valore aggiunto che descrive una delle caratteristiche dell’ambientazione dello Stargarden Universe: il meteo molto instabile.

Questa canzone è uscita quando avevo già terminato la stesura da tempo, però ero immersa nella fase di correzione, che per me funziona con livelli e modalità molto precise. Inoltre, durante l’editing ho rimaneggiato alcuni pezzi e ampliato il finale. Era destino affinché potessi scrivere delle scene nuove ascoltando “불놀이야”, dato che al primo giro non era stato possibile!

Per descrivere Jo Jo è sufficiente la frase in inglese che si sente fin dall’inizio “I’m the one in my zone”. In inglese “to be in the zone” significa trovarsi mentalmente in uno stato di concentrazione in cui ciò che si sta facendo si manifesta in forma di flusso continuo e con una certa facilità; è un’espressione abbastanza difficile da rendere senza tante spiegazioni. Parafrasando, si potrebbe dire “sono quello immerso nel mio elemento” (infatti poi si dice che gli altri osservano e sparlano).

In questo capitolo, anche se per poco, Jo Jo rientra al 100% in questa descrizione. Finalmente una gioia!

A parte il testo, che trovo calzante in generale per Jo Jo e per la sua situazione, così come il messaggio di cui ho parlato all’inizio, sono stata proprio folgorata dal video. Outfit e styling da infarto (non conosco nessun altro che potrebbe portare un undercut platino leopardato senza sembrare ridicolo; incredibile ma vero, bello anche in versione scodella per Studio Choom).

Sul signorino col crop top preferisco lasciare la parola a Giulia, la nostra Production Designer, colpita da questa scelta così fashion e azzardata (San potrebbe prendere freddo agli addominali e so che lei si è preoccupata molto).

Tutto il concept non solo è interessante perché ricco di contrasti, ma perché sembra fatto apposta per Stargarden Universe. Sono abbastanza sconcertata da quanto si adatti alle varie ambientazioni.

Io ho collegato subito “불놀이야” al Deserto delle Dune di Vetro e all’Accampamento Mirage, ma nel video c’è molto di più. Ci sono cantieri, rovine arrugginite, una metropoli sommersa da una fumina che sembra tossica, un grande spiazzo desertico e… ovviamente il fuoco. C’è un motivo preciso se il Deserto delle Dune di Vetro si chiama così, il fuoco gioca una parte, quindi potete capire l’abbondanza di particolari che “불놀이야” ha in comune con Stargarden Universe!

Insomma, altro che fuochi d’artificio, il livello di entusiasmo è passato direttamente a bomba atomica!

Quali canzoni ci faranno scoprire il prossimo capitolo di “Dark Ghost”?

Meglio che non dica nulla… il prossimo articolo riguarda l’EPILOGO! “Dark Ghost” è quasi finito!

Ecco tutta la playlist ufficiale su Spotify e su YouTube.

Playlist che vi farà immergere nel mood giusto per seguire la storyline del romanzo #cybernature “Dark Ghost”, libro 1 della serie STARGARDEN UNIVERSE. Suddivisione: circa 2 o 3 canzoni per ogni capitolo.

Scoprite anche quale musica ascoltano le stelle con la colonna sonora ufficiale di Stargarden Universe!

LEGGETE SUBITO IL CAPITOLO 1 IN ANTEPRIMA!

ACQUISTATE LA VOSTRA COPIA SU AMAZON!

Scaricate “Dark Ghost – essere umani non basta” sul vostro Kindle (anche Kindle Unlimited) o regalatevi il cartaceo illustrato (un diamante davvero particolare che fa bella figura in ogni libreria)!

Eva.

Nota: se non è indicato diversamente, le traduzioni sono state fatte da me. Ogni traduzione è un lavoro di speculazione e interpretazione personale, dato che raramente esiste una conversione 1:1 da una lingua all’altra, specialmente nel caso del coreano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...